Manifesto IEACS per le elezioni europee: riformare le regole

di Daniele Pace Commenta

 L’Ieacs, l’Istituto europeo delle armi sportive e da caccia, chiede di riformare le regole comunitarie, attraverso il proprio manifesto, scritto proprio per le elezioni europee 2019. Si chiede la riforma del regolamento comunitario 258/2012, che dovrà sfociare, secondo l’Istituto, in una legislazione omogenea dei 27 membri della UE.

L’Istituto IEACS è un’associazione no profit formata da varie associazioni nazionali belghe, italiane, spagnole, tedesche, inglesi e finlandesi. A rappresentare l’Italia ci sono Anpam e Conarmi. L’associazione è stata fondata nel 1976.

Cosa chiede il manifesto

Il manifesto Ieacs chiede dunque la revisione della 258/2012, e in particolare degli aspetti che riguardano l’esportazione, l’importazione e tutti i movimenti delle armi da fuoco, ivi inclusi pezzi e munizioni, attraverso l’Unione Europea.

Per Ieacs anche i produttori devono essere coinvolti nelle decisioni prese dalla Commissione Europea, e chiede inoltre la continua separazione tra settore militare e civile. Le due legislazioni devono rimanere separate, secondo il manifesto, soprattutto perché vi è una terza richiesta importante nel manifesto: l’omogeneizzazione della legislazione in tutta l’Unione.

Questo per dare a tutti i produttiva le stesse opportunità, in modo da avere una trasparenza sulla concorrenza che sia paritaria con i produttori extracomunitari. L’Associazione appoggerà quei politici che vorranno implementare le iniziative del manifesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>