Corea del Nord, tutti i missili con relativa gittata, limiti e pericolosità

di Matteo Carriero Commenta

La Corea del Nord ha dopo diffuso dichiarazioni che minacciano guerra contro la Corea del Sud e gli Stati Uniti, chiarendo la possibilità di utilizzare anche armi atomiche. Esaminiamo allora, in questo nuovo momento di tensione, gli armamenti della Corea del Nord, in particolare i suoi missili, tra gittata, limiti e potenzialità.

La Corea del Nord riporta alle stelle la tensione con nuove dichiarazioni di fuoco contro Corea del Sud e il “regime fantoccio” degli Stati Uniti. Ma di quali armamenti dispone la Corea del Nord? Oggi ci concentriamo sui missili. La Corea del Nord si stima possegga oltre 800 missili balistici di cui molti a lungo raggio, realizzati entro un programma missilistico sviluppato perlopiù sulla base dei missili Scud.

Tra i missili della Corea del Nord vi sono senz’altro un buon numero di Scud-B e Scud-C: missili sostanzialmente a corto raggio, con gittata stimata tra i 300 km (missili Scud-B) e i 500 km (missili Scud-C). Si tratta di missili con testate convenzionali che sono già stati testati e che potrebbero essere utilizzati per colpire la Corea del Sud. Si allarga il raggio di pericolosità del governo di Pyongyang con i missili Nodong, che si ritiene abbiano una gittata di 1300 km e che potrebbero anche utilizzare testate nucleari. Si tratta di missili dalla scarsa precisione, che potrebbero di conseguenza causare un altissimo numero di vittime civili.

La Corea del Nord dispone inoltre di missili Taepodong-1, un missile a due fasi che combina parti del Nodong con parti del missile Scud e che può coprire una distanza pari a ben 5 mila km, riuscendo quindi a colpire fino in Alaska, ma con una precisione estremamente bassa. Sono inoltre missili che vanno lanciati da una posizione fissa e che richiedono lunghi tempi di preparazione per il lancio.

La Corea del Nord dispone inoltre tra i suoi armamenti dei pericolosissimi missili Taepodong 2 e Taepodong 3: il primo ha un raggio stimato tra i 4 mila e i 15 mila km, e il primo test di lancio si è concluso in malo modo, con uno schianto poco successivo agli istanti dello sparo. Se i Taepodong 2 sono tuttavia stati raffinati potrebbero arrivare a colpire gli Stati Uniti così come l’Australia e l’Inghilterra. Tuttavia diversi strateghi credono che ormai i Taepodong 2 siano stati abbandonati in favore dei Taepodong 3, missili a 3 fasi con gittata fino a 15 mila, che definire estremamente pericolosi sarebbe dir poco.

Photo credits | danielfoster347 su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>