EMSOpedia online: tutto il sapere e l’esperienza del mondo EMSO

di Gianni Commenta

Hai mai sentito parlare di EMSO? O di Operazioni dello Spettro Elettromagnetico? Sono, perlopiù, gli addetti ai lavori ed esperti in materia a conoscere questa disciplina che però oggi, nell’era digitale e informatica, interessa tutti, militari e civili. Il recente lancio da parte di Elettronica S.p.A. di EMSOpedia, la prima enciclopedia sulle Operazioni nello Spettro Elettromagnetico, non è un caso. I tempi sono maturi per far conoscere a tutti questo mondo.

Il gruppo Elettronica, fondato nel 1951, ha pubblicato questa enciclopedia unica al mondo in occasione del suo 70° anniversario. Raccoglie tutto il sapere e l’esperienza di un’azienda leader del settore descrivendo termini e concetti dell’EMSO (Electromagnetic Spectrum Operations), che comprende numerosi argomenti legati allo spettro elettromagnetico.

EMSOpedia: l’enciclopedia della guerra elettronica destinata a crescere

L’idea di creare, pubblicare e condividere online un’enciclopedia dedicata non poteva che partire da un gruppo fondato dal padre della ‘guerra elettronica‘, l’ingegner Filippo Fratalocchi.

Al momento, sono 100 le voci disponibili nella piattaforma, ma l’enciclopedia è destinata a crescere: chiunque potrà arricchirla con il suo contributo qualificato. E’ un progetto aperto e l’approccio è puramente scientifico.

Le definizioni e gli argomenti non sono di facile comprensione al grande pubblico. Facciamo uno sforzo per comprenderlo perché lo spettro elettromagnetico non interessa soltanto il mondo militare e tecnico ma anche quello civile, la nostra quotidianità (sanità, sicurezza urbana, dispositivi sempre più interconnessi, ecc.).

Spettro elettromagnetico: il dominio dei domini

Per prevenire minacce, è necessario possedere un’ampia conoscenza dell’EMS (spettro elettromagnetico) e relativi strumenti.

La guerra elettronica (o elettromagnetica) si avvale di piattaforme. Nelle operazioni militari, nelle missioni, il dominio totale dello spettro elettromagnetico è fondamentale. Equivale alla capacità di gestire e controllare efficacemente il campo di battaglia. L’importanza strategica della guerra elettronica negli scenari bellici attuali è assoluta. Tutti i domini (aria, terra, mare, spazio, cyberspazio) sono interconnessi tra loro e sfruttano lo spettro elettromagnetico.

Per diversi anni, nelle operazioni militari sono stati utilizzati attacchi elettromagnetici per interrompere i radar nemici sul campo di battaglia. Oggi, lo spettro elettromagnetico è un ingresso per i cyber attori.

Guerra elettronica e guerra cyber: due facce della stessa medaglia

La guerra elettronica (Electronic Warfare) e la guerra cyber (Cyber ​​Warfare) svolgono compiti simili contro gli avversari:

  • raccolgono le informazioni del nemico;
  • interferiscono con la capacità operativa dell’avversario nell’accesso/utilizzo delle sue risorse;
  • fanno in modo che i sistemi dell’avversario avviino azioni indesiderate;
  • proteggono le loro risorse dalle interferenze elettroniche dell’avversario.

Guerra cyber ed elettronica possono essere usate contemporaneamente: si possono definire due facce della stessa medaglia tanto che si parla di CEMA (Cyber Electro Magnetic Activity) o di Cyber EW (Cyber Electro Warfare).

Requisiti futuri per i sistemi dipendenti dallo spettro elettromagnetico

Come si legge su EMSOpedia (alla voce EMSO), in futuro tutti i sistemi dipendenti dallo spettro elettromagnetico (radar, servizi satellitari, comunicazioni globali, telecomunicazioni, guerra elettronica e cyber, ecc.) dovranno possedere i seguenti requisiti:

  • Efficienza: utilizzo della quantità minima di risorse dello spettro elettromagnetico per garantire la massima efficacia operativa adottando tutte le misure utili per ridurre al minimo gli impatti su altri sistemi nell’ambiente elettromagnetico;
  • Adattabilità e flessibilità, ovvero la capacità di un sistema dipendente dallo spettro di utilizzare varie modalità ed opportunità di accesso (maggiore condivisione con altri sistemi, funzionamento multibanda, ecc.) con un sempre maggiore livello di tolleranza alle interferenze;
  • Agilità delle operazioni a supporto della flessibilità e adattabilità dei sistemi per ottenere il successo delle missioni in ambienti elettromagnetici in rapida evoluzione.

L’accesso tradizionale allo spettro elettromagnetico, con le sue regole ed i suoi limiti tecnologici, in futuro è destinato a fallire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>