Il fucile controcarro sovietico, il PTRS-41 e PTRD-41

di Francesco Commenta

L’Unione Sovietica, nel corso della seconda guerra mondiale, approntò diverse armi per tentare di scalfire l’invulnerabilità dell’esercito nazista che utilizzava potenti carri armati e che mettevano in pratica il mito della guerra lampo, o BlitzKrieg.

I tecnici dell’Unione Sovietica misero a punto due varianti del fucile controcarro, ovvero il modello PTRS-41 e PTRD-41.

Il modello più fortunato, e interessante da un punto di vista tecnico, è stato il PTRS-41, costruito per l’appunto nel ’41, e rappresenta l’evoluzione del modello precedente e si basa su un funzionamento semiautomatico su calibro 14.5 x 114 mm, più potente rispetto al modello 12.7 x 108 mm.In effetti, dai dati tecnici si apprende che il modello più interessante da un punto di vista bellico è sicuramente la serie PTRS-41 con un calibro da 14.5 mm e una lunghezza complessiva di 2,02 metri con la canna da 1,35 metri. Il peso era leggermente inferiore al modello precedente, circa 17,3 kg contro i 20,9 kg, che potevano facilitare il suo trasporto presso le linee nemiche al fine di assicurare una rapida forza di intervento: il fucile impiegò proiettili a nucleo d’acciaio o, in alternativa, di tungsteno.

Il modello PTRD-41 poteva sparare il proiettile ad una velocità di 1010 m/s al pari del modello PTRS-41 con la possibilità di perforare una corazza da 25 mm ad una distanza di 500 metri.

La versione PTRS-41 fu introdotto in servizio nel 1941: un periodo storico importante e delicato soprattutto sul fronte orientale ed è stato utilizzato, con un discreto successo, per fermare l’avanzata dei carri armati tedeschi.

Secondo le specifiche il fucile sovietico era anche munito di un freno di bocca e di un bipede sotto la canna che aggiungevano stabilità all’arma. L’esercito tedesco allo scopo di tentare di arginare il successo dell’arma decisero di montare delle placche metalliche, Schurzen , aggiuntive nei punti dove le corazze non erano molto robuste.

Ben presto l’Armata Rossa utilizzò il fucile controcarro anche per le altre operazioni militari.

La variante tedesca del fucile controcarro PTRD-41 è stato il Panzerbüchse-784 (Fucile anti-carro) o PzB-784 realizzato sull’esempio di alcuni fucili PTRD-41 catturati.

Rispetto al modello PTRS-41, l’ultima versione del fucile adottò il meccanismo a sottrazione di gas e il caricatore a cinque colpi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>