Libia, al via l’operazione Ippocrate

di isayblog4 Commenta

Libia: sta per partire l’Operazione Ippocrate. Con uno schieramento di 300 militari, 60 tra medici e infermieri, 135 unità di supporto logistico generale e 100 unità che costituiscono la vera e propria  ‘forze protection’, la missione medico-militare prevede l’installazione di un ospedale da campo. Presente anche un aereo nell’eventualità di evacuazioni e una nave già prevista al largo delle coste libiche per il supporto logistico.

 

 

Un intervento sanitario – militare con cui l’Italia aiuterà i militari del governo di accordo nazionale libico che combattono l‘Isis. L’Operazione Ippocrate è tutto questo e rappresenta un passo in avanti rispetto a quanto è già stato fatto finora curando i militari  libici presso il policlinico militare del Celio e altre strutture civili.

E’  stato lo stesso ministro della Difesa, Roberta Pinotti, insieme al collega del dicastero degli Esteri, Paolo Gentiloni, a riferire nel corso dell’audizione davanti alle Commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato a riferire sugli sviluppi della situazione in Libia e a spiegare il senso dell’Operazione Ippocrate.

Siamo pronti per realizzare un ospedale da campo presso l’aeroporto di Misurata. A regime – ha aggiunto il ministro – lavorerà in piena sinergia con l’ospedale di Misurata . ha detto il ministro Pinotti.

L’ospedale da campo consentirà di garantire le cure alle forze di sicurezza libiche rimaste ferite nella battaglia di Sirte contro i jihadisti dello Stato Islamico. La battaglia combattuta contro i terroristi di Daesh  ha provocato infatti quasi 500 morti e oltre duemila feriti.

Nella tenda da campo ci sarà il  triage, visite ambulatoriali, trasfusioni e 12 posti letto. Sarà disponibile anche un team chirurgico di supporto composto da 6 unità che affiancherà i medici libici nell’ospedale di Misurata.

Quindi, dopo 3 settimane, sarà garantito il ricovero di 50 pazienti (due in terapia intensiva) e un’ampia gamma di prestazioni sanitarie tra cui anche la diagnostica per immagini.

La richiesta di realizzare una struttura sanitaria in Libia – formulata all’Italia  dal governo Serraj, risale allo scorso 8 agosto. Il ministro Pinotti ha precisato che a fine mese prenderanno il via le operazioni di addestramento della guardia costiera e della marina libica nell’ambito della missione Eunavfor Med.

 

Fonte difesa.it

Photo credits Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>