Smith & Wesson: 1854, nascita dolorosa di una stella

di Sandra Commenta

Horace Smith e Daniel Wesson. Due nomi destinati a passare alla storia a livello mondiale nel campo delle produzioni delle armi. La Smith & Wesson vide la luce per la prima volta nel 1852, a Norwich, nel Connecticut. I due soci ed amici erano due appassionati di belle speranze, senza eccessivi fondi e con un grande sogno comune nel cassetto. Il progetto che faceva da nave ammiraglia della neonata società era una pistola la cui munizione era una speciale cartuccia auto contenuta, che da sola conteneva palla, polvere e meccanismo di innesco. In questo i due furono precursori dei tempi, e forse fin troppo, come andiamo a vedere.

La pistola su cui Smith e Wesson puntavano ogni loro speranza per il futuro funzionava con meccanismo di ripetizione a leva, e con la cartuccia auto contenuta di cui dicevamo. Il tentativo fallì. Ben presto ridotti sul lastrico, i due soci dovettero risolversi, a causa della scarsa risposta del mercato nei confronti delle loro idee innovative, a vendere tutto. La ditta nel 1854 fu rivelata, e con successo, da un imprenditore che rispetto a loro aveva maggior stoffa per gli affari: Oliver Winchester. Questi sfruttò meglio le idee “ereditate” da Smith e da Wesson assieme all’acquisto della loro azienda, e valorizzò con maggior successo commerciale l’idea della pistola con sistema di ripetizione a leva. Pensare che all’origine Oliver Wincester apparteneva a tutt’altro settore: era produttore di camicie, ma aveva uno spirito versatile ed evidentemente non era privo di fortuna, oppure, secondo altri, del cosiddetto “bernoccolo per gli affari”.

Ed eccoci alla seconda fase della società di Smith e Wesson. I due, infatti, lungi dal darsi per vinti, aprirono di nuovo una loro azienda poco tempo dopo, puntando su un loro brevetto del 1854: la rivoltella a cartuccia calibro .22 Rimfire, a percussione anulare. La loro testardaggine fu questa volta premiata, e diede luogo ai fasti della vera ditta Smith & Wesson quale oggi la conosciamo. Abbiamo già parlato, infatti, della celeberrima Smith & Wesson 29, e della Smith & Wesson 686, pietre miliari nella storia delle armi.

(Foto da: http://bedfordhighschool.co.uk/c/3f8087c7253ee3d60701e12182b82978)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>