Collezionista illegale di armi patteggia e le dona al museo

di PieraLombardi Commenta

Questa è una storia particolare: una smisurata passione per i reperti bellici della I guerra mondiale ha messo nei guai un giovane collezionista di Cittadella (Padova) che aveva in casa un arsenale di armi della I e della II guerra mondiale. I cimeli bellici custoditi nella soffitta e nelle fioriere sono stati scoperti dai carabinieri: il ragazzo è stato arrestato per detenzione illegale di armi e munizioni, finché la sua vicenda giudiziaria si è conclusa con il patteggiamento della pena e la donazione di alcuni reperti al museo della Grande Guerra di Canova di Vicenza.

 

 

 

Il giovane collezionista ha patteggiato 10 mesi di reclusione, per avere la sospensione condizionale della pena, pagare una multa da mille euro e, in cambio, donare alcuni reperti al Museo della Grande guerra di Canove, sull’Altopiano di Asiago dove sono esposti circa 5 mila cimeli. I restanti reperti, invece, sono stati confiscati per essere distrutti.

Le armi, alcune con numero di matricola abrasa, erano state scoperte a seguito di una perquisizione dei carabinieri  nella casa del collezionista: armi della prima guerra, tra cui un revolver Bodeo modello 89 perfettamente funzionante con munizionamento, ma anche della Seconda guerra (una pistola semiautomatica in buono stato con munizioni).

Il venticinquenne talmente era patito di armi storiche da averle cercate e trovate usando un metal detector nei luoghi teatro della I guerra mondiale: sul monte Grappa e sull’Altopiano di Asiago. Poi le ha ripuliti e custodite in casa, mai con l’intento di venderlie, ma per il gusto di avere con sé cimeli rimasti per oltre mezzo secolo sotto terra.

L’amore per la storia e le armi gli è costato carissimo: nel 2013 dopo essere rimasto ferito a causa di una violenta deflagrazione i medici sono stati costretti ad amputargli la gamba sinistra.

Photo credits Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>