Cybersecurity, per Finmeccanica sfida da condividere con Israele

di PieraLombardi Commenta

Leonardo-Finmeccanica vuole rafforzare la collaborazione pluriennale con Israele nel settore sempre più cruciale della cybersecurity e lavora per consolidare la propria partnership con l’industria della sicurezza israeliana. Lo ha detto l’amministratore delegato di Leonardo Finmeccanica, Mauro Moretti, aprendo i lavori di Cybertech Europe 2016. L a cyber security è ormai una questione prioritaria nell’agenda politica di ogni Paese in tema di sicurezza nazionale e internazionale. Spazia nei più diversi campi, con un impatto diretto sui possibili scenari di rischio in ambito geopolitico: terrorismo, cyber crime, controllo dei flussi di immigrazione e dei confini, sicurezza delle città, protezione e resilienza delle infrastrutture critiche, come trasporti, comunicazioni, energia, siti produttivi. Forte di un’esperienza ultra trentennale maturata nelle tecnologie di difesa e sicurezza che le ha consentito di sviluppare competenze e prodotti per gestire la minaccia cibernetica, Leonardo ha presentato ai lavori importanti novità.

 

cybersecurity

 

La società realizzerà un report tematico annuale, con specifici aggiornamenti trimestrali, che monitorerà il grado di esposizione ai pericoli del web dei principali macro settori economici, segnalando preventivamente agli utenti, sulla base delle informazioni rilevate in rete, le potenziali modalità d’attacco e le misure da adottare per ridurre il rischio.

 

Questa conferenza – ha evidenziato l’ad Mauro Moretti – vuole essere un collegamento con l’industria della sicurezza israeliana allo scopo di promuovere un confronto aperto e uno scambio concreto di esperienze e consolidare una collaborazione con il settore cyber israeliano. Bisogna allargare i confini dal momento che il cyberspace non ne ha.

Nel suo intervento Moretti ha anche detto che l’industria della sicurezza, specie in ambito ‘cyber’, è un settore promettente ma servono investimenti su obiettivi chiari e maggiore condivisione per crescere a livello globale, aumentare la competitività dell’industria europea della sicurezza e condividere standard e obiettivi.

Forte dell’esperienza maturata a Tel Aviv, dove rappresenta il più grande evento di cyber solutions al di fuori degli Stati Uniti con più di 10mila partecipanti da oltre 50 Paesi, Cybertech è arrivato per la prima volta in Europa approdando in Italia. Nata nel 2014, Cybertech è considerata dagli addetti ai lavori una piattaforma globale per B2B, investimenti e networking per il mondo industriale e per i decision maker governativi.

Leonardo, dal canto suo, mette a disposizione dei suoi clienti un centro di eccellenza per la cyber security, nel sito di Chieti, dove si trovano il Security Operation Centre (SOC) e l’Open Source Intelligence Center (OSINT), in cui è installato un High Performance Computer (HPC), una delle più potenti infrastrutture di supercalcolo del mondo.

L’offerta di Leonardo  comprende anche soluzioni specializzate per intercettare, acquisire, gestire ed elaborare informazioni per uso governativo e militare. Esperienza consolidata, capacità di calcolo e di visione, team specializzati di analisti ed esperti di difesa sono i principali fattori del successo di Leonardo, che hanno reso l’azienda, negli anni, un interlocutore affidabile per numerosi clienti, tra cui la NATO, il Ministero della Difesa britannico e la Pubblica Amministrazione italiana.

 

Fonte askanews.it

e it.reuters.com

leonardocompany.com

Photo credits leonardocompany.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>