Il mortaio M30, la leggenda

di isayblog4 Commenta

Il mortaio M30 è il sistema da 107 mm più conosciuto al mondo è ed stato utilizzato in gran quantità nella guerra del Vietnam e in Corea dove ha trovato un ambiente ideale per esprimere la sua potenza di fuoco; infatti, la guerra di Corea fu condotta lungo linee di trincee che permettevano di mettere a punto postazioni per le squadre di mortai: il modello M30 è un mortaio rigato che spara un proiettile stabilizzato.

Il mortaio M30 cambiò la sua denominazione da 4,2 pollici a mortaio M30 da 107 mm sul finire della seconda guerra mondiale. Il progetto di questo mortaio subì diverse modifiche nel tempo fino ad arrivare a utilizzare un tubo di lancio da 1,524 metri con una gittata massima di quasi sette km e un peso in batteria di 305 kg con la possibilità di utilizzare un carico di bombe HE su 12,2 kg, la variante nebbiogena su 11,32 kg o la bomba a caricamento chimico con 11,17 kg utilizzata come mezzo per aggressivi chimici.

Per la definizione un mortaio è un pezzo di artiglieria a tiro curvo, ovvero l’angolazione della canna è sempre superiore ai 45°, ed è impiegato per il supporto di fuoco indiretto tramite il lancio di proiettili a bassa velocità. Il ruolo del mortaio è di estrema importanza perchè è utilizzato per colpire obiettivi che non possono essere raggiunti dal tiro di pezzi d’artiglieria a tiro diretto.

Due cose saltano subito all’occhio: le munizioni impiegate e il peso, ritenuto da più parti, abbastanza eccessivo tanto da limitare i suoi spostamenti.

Il mortaio M30 non utilizza la solita bomba da mortaio ma si preferisce impiegare una granata che risulta simile a quella di un pezzo di artiglieria; in effetti, i proiettili dell’M30 sono del tipo semifisso con carica fondamentale e cariche aggiuntive per le varie gittate.

Dall’altra parte il peso, ritenuto eccessivo, rappresenta un grosso limite anche se la bocca da fuoco può ruotare sulla piastra di appoggio e il sistema utilizza un meccanismo a rinculo che permette l’assorbimento delle sollecitazioni prodotte dallo sparo.

In effetti, risulta abbastanza scomodo portarsi appresso tre quintali di armamento specie se si ha la necessità di piazzare il mortaio M30 nel più breve tempo possibile e, non solo, con un ingombro del genere diventa anche indispensabile utilizzare un veicolo dedicato allo scopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>