Smith & Wesson 1917, tra Prima e Seconda Guerra Mondiale

di Sandra Commenta

 Gli appassionati ricorderanno la storica Smith & Wesson delle due Guerre Mondiali, la S & W 1917. Riguardo la società Smith & Wesson, abbiamo già parlato delle vicissitudini che coinvolsero i due appassionati di armi in varie peripezie, nei primi anni dalla fondazione (dal 1852 in poi), passando per ardui progetti successivi, fino al successo definitivo di questa casa d’armi.

Vediamo oggi uno dei modelli più gloriosi della successiva evoluzione delle serie S & W. Passata alla storia con il nome di Smith & Wesson 1917, aveva visto come vero e proprio nome di battesimo un’altra denominazione: “Modello 0.45 Ejector, del 1917”. Fa parte dei modelli S & W Second Ejector, con un calibro particolarmente potente, e fu impiegata e piuttosto acclamata durante la Prima Guerra Mondiale.

Il progetto è nato in comune con la ditta Armory Springfield. Ci si trovava in pieno conflitto del ’15-18. Gli Stati Uniti, come è noto, dichiararono guerra alla Germania il 2 aprile 1917, e questa Smith & Wesson 1917 divenne pistola d’ordinanza presso l’esercito degli Stati Uniti. Si trattava di un modello abbastanza maneggevole, il cui uso era pratico e facile da apprendere anche per chi era “alle prime armi”, per i militari non professionisti. Alla fine dell’anno 1917, dopo pochi mesi dall’introduzione di questa pistola sul mercato delle armi militari, ne erano stati prodotti già ben 163.476 esemplari, secondo le fonti storiche.

Durante la Seconda Guerra Mondiale la Smith & Wesson 1917 fu prodotta ed usata nuovamente dalle forze armate statunitensi. Oggi gli esemplari originali impiegati sia nella prima che nella seconda guerra hanno un grande valore storico, apprezzato soprattutto dai collezionisti. Perfino raccogliere in sequenza foto con numero di serie originale di queste pistole, è una delle passioni degli amatori che abbiano un particolare debole per questo revolver. Se ne producono, ovviamente infinite serie di copie, che più o meno liberamente circolano sul mercato sia clandestino che non, e si possono trovare anche in vendita sul web, talvolta a prezzi piuttosto contenuti che possono scendere anche al di sotto dei mille dollari. Non occorre far presente che in questi casi c’è da stare piuttosto attenti e procedere a qualche verifica richiedendo le garanzie indispensabili, quando l’arma viene data per autentica, magari con un numero di serie appartenente alla prima partita prodotta.

(Foto da: https://en.wikipedia.org/wiki/File:M1917_revolver.jpg)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>