Tiro con l’arco, gli esercizi di riscaldamento

di Matteo Carriero Commenta

Il tiro con l’arco è una disciplina che sottopone a sforzo diversi muscoli, è buona pratica di conseguenza eseguire degli esercizi di riscaldamento prima di iniziare una sessione di tiro. I meno esperti, in particolar modo, non dovrebbero mancare di farli, per evitare dolori in seguito a sbagliati movimenti durante l’attività.

I principali vantaggi che derivano da un corretto riscaldamento, come riportato anche dal manuale Fitarco di Vittorio Brizzi ed Edoardo Ferraro,  sono l’aumento di temperatura del muscolo e del flusso sanguigno verso il muscolo, nonché un miglioramento della precisione degli stimoli derivanti dai propriocettori con conseguente risposta motoria. Inoltre, concentrarsi sul riscaldamento è considerato un utile metodo per allentare la tensione prima di una gara.

Gli esercizi da effettuare devono essere volti principalmente alla mobilizzazione articolare, alla contrazione e all’allungamento dei muscoli. Per quanto riguarda la mobilizzazione si possono semplicemente effettuare circonduzioni e slanci delle braccia in varie direzioni, purché queste vengano effettuate in scioltezza ed evitando strappi. Tra gli esercizi dedicati alla contrazione e all’allungamento dei fasci muscolari abbiamo invece: l’esercizio di extrarotazione delle braccia per i muscoli trasversali della schiena, che può essere effettuato da posizione eretta con l’estensione (accompagnata da inspirazione) del busto, mentre si portano indietro le spalle e mentre gli arti effettuano extrarotazioni, ovvero le braccia vengono ruotate portando il palmo delle mani da davanti a dietro. Si può poi effettuare il classico esercizio in cui le mani si afferrano dietro la schiena e si tirano vicendevolmente, nonché l’esercizio per cui si portano i gomiti lungo i fianchi con gli avambracci che puntano “in fuori” e successivamente con le palme verso l’alto si portano i gomiti verso dietro.

Per l’allungamento vi sono svariati esercizi molto semplici: si possono intrecciare le dita sopra il capo e poi spingere mani e braccia verso l’alto, mantenendo quindi la posizione per 20 secondi, si può portare una mano sulla spalla opposta per poi spingere all’indietro col gomito. O ancora si può portare una mano tra le scapole e con l’altra spingere il gomito, che a quel punto punterà in alto, verso il basso. Naturalmente questi sono solo degli esempi, dato che il numero degli esercizi di riscaldamento che possono essere effettuati, per prepararsi a una sessione di tiro con l’arco, è ampissimo.

» GUIDA AL TIRO CON L’ARCO

Photo Credits | waponi su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>