Volcanic: da Smith & Wesson, pistole e fucili di nuova concezione

di Sandra Commenta

Abbiamo già parlato della difficile nascita nel 1854 della ditta americana Smith & Wesson, fondata dai due soci Horace Smith e Daniel B. Wesson dopo il loro iniziale fallimento del 1852. Proprio nel primo anno della apertura della nuova azienda, misero a punto la pistola Smith & Wesson Volcanic, creata su richiesta di un’altra fabbrica d’armi dell’epoca, la Volcanic Arms Company. Non solo pistola, ma anche fucile: il progetto iniziale è stato modificato fino a ricavarne entrambe le versioni. Tutte e due erano basate sul caricamento a leva, e le munizioni erano di un nuovo tipo: secondo la nuova tradizione inaugurata dalla Smith & Wesson, i tempi di ricarica erano ridotti dal fatto che non si facesse più uso dell’avancarica.

Al posto della polvere da sparo, molto in voga nel tempo, e del classico proiettile a palla, la Volcanic montava cartucce che si potrebbero definire di tipo moderno, con forma a punta. La base era concava, e doveva contenere sia la polvere che l’innesco, che dunque potevano esser caricati in una volta sola, all’inserimento del bossolo nella pistola. I proiettili inoltre venivano inseriti nel caricatore a forma tubolare che si trovava sotto la canna, ed una leva che costituiva il ponticello del grilletto li inviava direttamente alla camera di scoppio. Questo sistema ha fatto da precursore a molti fucili di concezione moderna.

Sia come pistola che come fucile, il Volcanic è un’arma pesante, di dimensioni abbastanza variabili, secondo la lunghezza della canna. In seguito, nel 1860, il progetto venne acquistato da Oliver Winchester, fabbricante di camicie che già in precedenza aveva rilevato la prima azienda di Smith e Wesson. Winchester ne fece un modello di punta, creando su questo progetto il fucile Henry, calibro .44, che è ancor oggi considerato il maggior responsabile della fama delle armi Winchester nel mondo. Non sempre Smith e Wesson hanno finito con lo sfruttare personalmente la grande ingegnosità delle invenzioni che hanno saputo lanciare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>