Hello Boys, il fucile anticarro

di Francesco Commenta

Il fucile anticarro è un’idea che viene da lontano; in effetti, è dalla prima guerra mondiale che si utilizzano sistemi controcarro di questo tipo finalizzate per arrestare l’avanzata dei primi mezzi corazzati e unità meccanizzate, anche se non sono per nulla paragonabili con i sistemi corazzati moderni.

Il fucile anticarro era un’arma potente che poteva fermare un elefante in corsa e capace di arrestare con la sua potenza distruttiva le corazze leggere dei primi carri armati. Dalla seconda guerra mondiale e con la graduale sostituzione delle originarie corazze con sistemi più efficaci e con l’introduzione delle armi controcarri della fanteria, quali bazooka o Panzerfaust, i fucili anticarro persero il loro potenziale distruttivo.

Esistono diversi fucili controcarri e ognuno può vantare un servizio eccellente e, tra questi, non possiamo non ricordare il modello Boys, Mk 1, con un calibro da 13,97 mm in grado di perforare fino a 21 mm di acciaio da 302 metri di distanza con una velocità iniziale di 991 m/s.

L’esercito francese impiegò il fucilone controcarri Boys, modello Mk 1 con supporto monopiede, dal 1940 fornito dagli inglesi in cambio di cannoncini controcarri Hotchkiss da 25 mm.

Del fucilone Boys furono messi in servizio due varianti: il modello Mk 1 e la variante Mk 1*. L’ultima versione rispondeva alle esigenze di produzioni di allora;in effetti, la variante era provvista di un freno di bocca più semplice e del bipiede del Bren Gun che permettavano una loro veloce produzione per esigenze belliche.

Il vero nome del Boys era Rifle Anti-Tank 0,55-in Boys Mk 1 e venne chiamato in origine Stanchion Gun, ovvero fucile di supporto e solo successivamente venne modificato in Boys in ricordo del suo progettista.

Il fucilone controcarri Boys poteva perforare corazze da 21 mm ma, nel contempo, produceva un forte rinculo: per cercare di porvi rimedio i progettisti applicarono un freno di bocca.

Ricordiamo che il congegno di sparo del Boys era a ripetizione ordinaria con azionamento a mano e l’alimentazione del vano munizioni avveniva mediante un caricatore ad astuccio che poteva disporre di cinque colpi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>