Dogo mastino tecnologico, primo microrobot armato di pistola (VIDEO)

di PieraLombardi Commenta

Proprio così: prende il nome dal mastino argentino, Dogo, ed è un cacciatore impavido addestrato per entrare in azione in situazioni ad alto rischio, proteggere i compagni umani, il primo microrobot da combattimento tattico armato del mondo. A differenza di altri piccoli robot che non trasportano nessuna arma, Dogo è integralmente costruito per ospitare nella sua ‘pancia’ una Glock 26 9mm. L’ha progettato e realizzato, la General Robotics, azienda israeliana per operazioni di combattimento e antiterrorismo.

 

Immaginate un mezzo addestrato per missioni speciali, dotato di una visione a 360 gradi, capace di lavorare da solo, di entrare in azione in case ad alto rischio e bunker sicuri, pronto a sparare, ricevuto il comando, entro un secondo.

Questo è esattamente Dogo, il microrobot creato dalla Generale Robotics Ltd., società high-tech israeliana che ha il suo quartier generale in una comunità rurale a sud di Tel Aviv. Dogo è un mastino tecnologico di 12 kg, che al suo interno contiene una pistola, una Glock 26, è un robot ideato per operazioni di combattimento e antiterrorismo.

Radiocomandato a distanza, facilmente trasportabile a mano da fanti armati o operatori speciali, il Dogo, alimentato a batteria, sale intuitivamente scale, può evitare ostacoli, percorrere terreni accidentati grazie ai cingoli, stare in ambienti chiusi o in metropolitana per circa quattro ore di fila.

Ogni Dogo dispone di otto microtelecamere, sei su ogni lato per la visione a 360 gradi, e due telecamere per il puntamento dell’arma: dotato di un sistema di sicurezza che impedisce lo sparo accidentale, ha anche puntatori laser; è molto insidioso perché  mostrandosi in apparenza come un normale microrobot da ricognizione, non fa pensare che disponga di un armamento interno.

Grazie a un microfono e un altoparlante incorporati, può interagire con le persone, negoziare attraverso l’operatore e dare ordini: in caso estremo, se è l’unica opzione rimasta, spara con precisione. Il microrobot è comandato tramite un tablet: basta un touch screen, per azionare automaticamente l’arma.

 Abbiamo messo molta enfasi sulla sicurezza, a partire dal software fino all’hardware, ha detto il fondatore e amministratore delegato Udi Gal,  ex vice direttore della ricerca e sviluppo della direzione del ministero della Difesa israeliano.

L’amministratore delegato Gal ha rivelato che Dogo è stato progettato con il contributo dell’unità anti-terrorismo della polizia israeliana e della direzione Ricerca e Sviluppo del ministero della Difesa con l’intento di salvare vite umane in attacchi terroristici che proliferano in tutto il mondo.

Il nostro slogan è che il rischio ricada sul Dogo; non sul personale umano, ha detto Gal.

La Generale Robotics progetta di svelare ufficialmente il sistema al Salone Eurosatory di giugno a Parigi.

 

Fonte defensenews.com

Fonte video youtube.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>