Scuola superiore di Polizia, dov’è, come è strutturata e come funziona

di Matteo Carriero Commenta

La scuola superiore di Polizia eredita e riunisce le funzioni delle precedenti strutture formative della la Scuola Superiore di Polizia per i funzionari di Pubblica Sicurezza e dell’Accademia per gli Ufficiali del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza. Vediamo dov’è, come è strutturata e come funziona.

La scuola superiore di polizia, dal 2006 riconosciuta come istituzione di alta formazione e cultura, ha sede a Roma, in via Pier della Francesca numero 3. Si tratta di una struttura molto ampia basata su tre edifici, il primo ospitante la direzione e in parte anche i frequentatori, il secondo dedicato all’istruzione con aule moderne e tecnologiche, nonché l’aula magna della scuola, il terzo è la Palazzina Trevi che presenta il Centro conferenze internazionale Alcide De Gasperi, nonché sale per riunioni, gruppi di lavoro e meeting.

La struttura della scuola superiore di polizia presenta inoltre due palestre per l’addestramento e l’attività fisica, nonché un sacrario e una cappella. Fa parte inoltre della scuola, dal 2006, l’Istituto per Sovrintendenti di Spoleto.

La scuola ha come scopo la formazione iniziale dei candidati per l’accesso alla carriera dei funzionari di polizia, accesso che viene determinato da un concorso pubblico. Il corso della scuola è in forma residenziale e si articola in aree formative diversificate tra attività didattiche, di addestramento, di ricerca, di sport e tirocinio. Dopo il primo anno chi avrò superato gli esami e le altre prove iniziali potrà accedere al secondo anno. Lo sbocco finale della frequentazione e del superamento degli esami della scuola superiore di polizia è il raggiungimento del ruolo di commissari, con qualifica di commissari capi.

Al fine di migliorare l’attività formativa e lo scambio culturale è inoltre attivo un Master, in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma, in Scienze della sicurezza, destinato ai commissari della polizia di Stato.

Photo credits | Giorgio Gatti su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>