NOCS, Sicut Nox Silentes dicono le Forze Speciali della Polizia di Stato

di Benjo 2

Nel 1974, per fronteggiare la crescente minaccia terroristica ed eversiva in tutta Europa ogni Nazione decide di dotarsi di unità speciali addestrate a fronteggiare e reprimere questo tipo di minaccia. L’Italia non è da meno e dopo alcuni tentativi ben riusciti nel 1978 l’allora Ministro dell’Interno Francesco Cossiga istituisce ufficialmente le Unità Speciali delle Forze di Polizia: nasce il NOCS, Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza della Polizia di Stato.

Nei primi anni di vita i NOCS effettuarono numerose missioni che portarono alla cattura di altrettanti terroristi o appartenenti a gruppi eversivi, nonchè alla liberazione di ostaggi; anche dopo la riforma della Polizia di Stato il NOCS continuò ad operare specializzandosi sempre più al passo con il continuo mutare degli scenari.

 

Attualmente il NOCS della Polizia di Stato viene considerato uno dei Reparti Speciali più preparati al mondo.

 

Grazie ai mezzi in dotazione al reparto e all’appoggio di ogni tipo di mezzo in dotazione alla Polizia di Stato o, se necessario dei mezzi aerei dell’Esercito,  il NOCS può intervenire in tutto il Territorio Nazionale in un tempo massimo di 24 ore con a seguito tutto il necessario supporto della Sezione Logistica.

 

Le missioni che il NOCS viene chiamato a compiere non ammettono errori e per questo motivo gli uomini che ne fanno parte si sottopongono ad un durissimo addestramento volto a trovare il giusto equilibrio tra lucidità mentale e azione da compiere prendendo decisioni critiche in poche frazioni di secondo.

 

L’addestramento degli Operatori NOCS prevede il conseguimento di vari tipi di brevetti tra cui quello da paracadutista con lancio non vincolato da elicottero a seguito di un duro corso svolto in collaborazione con gli uomini del IX Reggimento Col Moschin della Folgore.

 

Conoscenza base richiesta ad ogni Operatore del NOCS è l’arrampicata con la corda; l’addestramento prevede soprattutto la discesa con la corda che spesso viene utilizzata durante le missioni.

 

La simulazione missioni con liberazione di ostaggi o cattura di criminali e terroristi è parte integrante dell’addestramento degli Operatori NOCS; la simulazione prevede l’irruzione in ambienti chiusi come abitazioni, vagoni di treni, autobus e aerei.

 

Una volta divenuto operativo nel NOCS ogni operatore può scegliere di specializzarsi ulteriormente; una di queste specializzasioni è quella per divenire tiratore scelto del team.

 

Il NOCS dispone di un equipaggiamento all’avanguardia; ogni Operatore sa utilizzare e dispone delle migliori armi e sistemi d’arma esistenti.

Gli Operatori NOCS utilizzano le tecnologie più avanzate in fatto di armi, sistemi d’arma, comunicazioni ed equipaggiamento di ogni genere in base alle specifiche della missione.

Il NOCS può intervenire in ogni luogo del Territorio Nazionale adattando il proprio equipaggiamento alla missione ed all’ambiente circostante sfruttando sempre l’effetto sorpresa che è implicito nel proprio motto:  Sicut Nox Silentes.

 

Commenti (2)

  1. E’ possibile parlare con uno di loro ..conoscere uno di loro , fargli qualche domanda …grazie

    1. Ciao flay,
      purtroppo in diretta non è possibile, però se vuoi provare comunque a fare le tue domande potremmo passarle a qualcuno rispondere…
      facci sapere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>